L’ultima eruzione dell’Etna del 12 novembre 2023

logo guide

PREMESSA
L’ultima eruzione dell’Etna del 12 novembre 2023 è stata caratterizzata dalla classica attività di fontanamento (attività parossistica) con i getti incandescenti che comunque non sono riuscite ad attraversare la fitta copertura nuvolosa che ha impedito di ammirare l’eruzione vulcanica che ha interessato il cratere sommitale di Sud Est nella serata del 12 novembre 2023.
DESCRIZIONE DELL’EVENTO
• Scriviamo questo messaggio per informare tutti coloro che chiedono che l’eruzione è finita, questi eventi di particolare energia hanno difficilmente una durata che supera le 3h (fase fortemente stromboliana + fontana di lava + conclusione dell’evento eruttivo). Già nella serata di ieri subito dopo le 20:30 i fenomeni vulcanici si erano praticamente esauriti.
Ci teniamo ad informare che queste eruzioni dal carattere violento, rapide nel loro sviluppo e nella loro conclusione, sono un rischio per chi si trova nelle vicinanze o nelle immediate prossimità.
ATTIVITA’ RISCHIOSA PER CHI SI TROVA NELLE VICINANZE
Dal confronto delle informazioni ricavate, nonostante il maltempo in quota, insieme ai ricercatori si è potuta constatare la presenza di un deposito piroclastico, molto probabilmente generato (poco dopo le 20:30) dal possibile crollo del pendio orientale del Cratere di Sud Est. Questo flusso è riuscito a percorrere (in discesa) la ripida parete (in direzione Est -Sud Est) all’interno della Valle del Bove, arrivando in pochi secondi a quota 1900m. Invitiamo sempre a prestare attenzione ⚠️ e di non stazionare presso le aree Sommitali specie durante lo sviluppo di tali fenomeni.
Dettagli utili
– Nessun problema sostanziale all’aeroporto di Catania i venti non hanno spinto la colonna di cenere in direzione sud ma verso Est.
– I centri abitati coinvolti dalla ricaduta di cenere sono stati i seguenti : Zafferana Etnea, Milo,Fornazzo, Fleri, Petrulli, Santa Venerina, Guardia San Giovanni Bosco, Santa Maria Ammalati, Pennisi,Pozzillo, Carruba,Torre Archirafi, Stazzo, Santa Tecla non escluderei Acireale, ai margini Giarre e Riposto.
Le escursioni sono riprese regolarmente.

La fontana di lava prodotta dal Cratere di Sud Est che attraversa la lenticolare

 

Articolo scritto da : Vincenzo Greco G.V.

 

©Guide Vulcanologiche Etna Nord

Facebook/Instagram: Guide Vulcanologiche Etna Nord
Email: info@guidevulcanologicheetna.it

Denominazione/Ragione sociale : Cooperativa Guide Vulcanologiche Etna Nord Soc.Coop.

PEC : guidevulcanologicheetna@pec.it

Codice Destinatario : T04ZHR3 (il secondo carattere è uno zero)

P.IVA/CF: IT05583690879

Sede in : Via Viola 1 – Linguaglossa (CT) CAP : 95015

Email : info.guidevulcanologicheetna@gmail.com

Tel : + 39 3455741330

© Guide Vulcanologiche Etna Nord – Legge 22 aprile 1941, n. 633
Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio.

Il nostro gruppo è composto da Guide appartenenti al Collegio Regionale delle Guide Alpine e Vulcanologiche della Sicilia, la normativa italiana prevede che tali figure professionali siano le uniche abilitate a condurre gruppi nei vulcani attivi ed in tutto il territorio dell’isola (Legge quadro del 2 gennaio 1989 n° 6 e Legge regionale del 6 aprile 1996).

Guide Vulcanologiche Etna Nord
Invia con WhatsApp